venerdì 21 marzo 2008

Al cinema

Le due amiche erano entrate nella sala semivuota del pomeriggio e si erano sedute nelle poltrone rosse convinte di vedere un filmino tranquillo, divertente, bellino.
Invece no.
Era uno strano film, un cartone animato "povero", bidimensionale, come non siamo più abituati a vederne. La storia però da urlo: l'adolescenza di una ragazza iraniana che ha vissuto i cambiamenti epocali dallo scià fino al'integralismo di oggi.
La guerra fatta con le stesse armi fornite anche al nemico, le morti inutili, le delazioni, la mancanza di libertà, il velo.
Sprofondate nelle poltrone le due amiche erano sempre più sconvolte ma catturate da quelle semplici immagini che sapevano essere più esaurienti della realtà.
Una si riprometteva di far vedere il film ai suoi allievi; l'altra cercava di mascherare l'emozione chissà come perché non aveva neanche il fazzoletto a portata di mano.
Poi la botta finale: un semplice particolare, due parole, ma dette con quella intonazione e l'uso del fazzoletto è divenuto una necessità imperante.
- Accidenti, non credevo che ti avesse così sconvolta! -
-No no, ora mi passa -
Un semplice particolare, due parole che avevano risvegliato un ricordo sopito, una persona speciale. Che non vedrò più.

9 commenti:

Gianfranco ha detto...

Persepolis?
Ce l'ho, ma nn l'ho ancora guardato.

fammi spaere se lo vuoi.

Buona Pasqua

rodocrosite ha detto...

Bene, guardalo e poi dimmi se ti è piaciuto.Io credo di sì.

tommi ha detto...

Buona Pasqua a te e a tutti i tuoi lettori!
A presto
tommi - www.bloginternazionale.com

lophelia ha detto...

Film commovente e bellissimo da vedere. Le figurine sono tratteggiate in modo elementare, ma ci sono alcune tavole stupende.
La parte più buffa è quando lei rivisita la storia che l'ha fatta soffrire cercando di convincersi che lui era un mostro...senza riuscirci, visto che poi si ammala.
Però il momento in cui risorge è fantastico.

rodocrosite ha detto...

@Tommi: Grazie e a presto!

@Lophy: Forte, eh! Io lo rivedrei anche subito.

artemisia ha detto...

Anch'io ieri sera sono stata al cinema con un'amica. Per la prima volta dopo tanti anni ho visto un film dell'orrore. Siamo tutte e due paurosissime, siamo state aggrappate l'una all'altra per tutto il film, io urlavo come un'ossessa!
Poi stanotte ho avuto un incubo (ispirato al film) che ha svegliato tutta la casa, e Maria s'è impaurita talmente che non ha più ridormito.

La prossima volta, Persepolis. Giuro.

rodocrosite ha detto...

Arte sei tremenda! I film dell'orrore te, ma via!
Povera Befanina, rimarrà traumatizzata per la vita!
Se poi m'immagino la tua faccia al cinema!! :D :D

artemisia ha detto...

Avrei voluto vedere te, quando la protagonista scende in cantina per evocare gli spettri dei bambini dell'orfanotrofio, compreso quello sfigurato che va in giro con una balla (=sacco in toscano) in capo!
Capito il tipo di film?

rodocrosite ha detto...

:D
:D
:D