mercoledì 21 ottobre 2009

La fisarmonica

Cammino per una strada del centro attenta a scorgere tra la gente che mi viene incontro il viso che conosco.

Faccio appena caso al gesto di una ragazza sorridente che si china a mettere qualche moneta nel cappello di un suonatore ambulante.

Ci faccio caso forse perché ultimamente anche quella è diventata una cosa insolita, lasciare una moneta intendo.

Continuo a camminare con lo sguardo puntato avanti, ma quel gesto ha catturato la mia attenzione e adesso ascolto la musica del suonatore. Non è banale, non è la solita conosciutissima musichina ad uso e consumo dei turisti. No. Questo, cavoli, suona proprio bene. Un piacere per le orecchie, ogni nota lascia dietro sé una sensazione di allegria e di pienezza, come quando una cosa è fatta bene e ne siamo contenti. Guardo il suonatore, le sue dita corrono sullo strumento, lo accarezzano, lo abbracciano, lui si dondola quasi un ballo, sorride.

Che fortuna averlo notato e non essere passata oltre come se niente fosse.

Un bel ricordo fa stare bene anche a distanza.

8 commenti:

tommi ha detto...

E la moneta?

rodocrosite ha detto...

Confesso: la mia è rimasta in tasca.

artemisia ha detto...

:D
:D
:D

desaparecida ha detto...

ecco perchè sei stata bene!

:D

luposelvatico ha detto...

Anch'io non vedo l'ora di andare per strada con la fisa a donare allegria...:-)

antoniodielle ha detto...

Rodo!!!
Adesso dovrai fare di più, dovrai portargli una moneta ed una rosa!
Baci...

ggbbgg125 ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
rodocrosite ha detto...

A tutti: mettetevi l'animo in pace: quel tipo non l'ho più trovato; sono tornati i soliti strapazzatori di musichine che sanno mettere solo di malumore. La monetina rimane pervicacemente nella mia tasca!