lunedì 23 gennaio 2006

Una giornata nel bosco

Mi sono accorta di aver un po' perso l'allenamento: prima ci andavo più spesso a camminare dalla mattina alla sera. Poi, col tempo, chissà perché queste gite si sono diradate.
Ma ieri è stato perfetto. Sveglia presto, freddo giusto, sole e cielo azzurro. Gli ingredienti ci sono.
Il piacere di mettersi degli scarponi comodi e cominciare a camminare con l'impressione di poterlo fare all'infinito. L'aria frizzante che solletica il naso. La salita che fa passare il freddo in pochi minuti. Addentrarsi nel bosco povero di colori eppure così attraente: intrico di rami dove si intravedono già le prime gemme, stagliati contro il cielo pulito. Qualche sorprendente fiorellino giallo sbocciato al riparo dal vento quasi a volerti dire che la primavera sta' sicuro arriverà. Quella comodissima pietra piatta e asciutta al solicino: posto ideale per fermarsi a mangiare. Il maneggio in cima al colle con quei quattro cavalli immobili e attenti, rinvoltati nelle loro coperte.
E poi gli scarponi che adesso si fanno un po' sentire e non hai più voglia di tenerli all'infinito. Il sole che comincia a calare; il vento che fa lacrimare gli occhi e colare il naso. E allora è un sollievo arrivare alla macchina, sedersi e farsi trasportare, alla buonora!
E poi percorrere gli ultimi pochi metri per arrivare a casa con gli occhi addosso di tutta quella gente vestita bene che è andata a fare un giro in centro e vede passare una rinvoltata in una vecchia giacca a vento, con gli scarponi infangati e lo zaino. Beh, non certo elegante, no, ma soddisfatta eccome!
Ognuno si diverte come crede, no?

4 commenti:

Roberta ha detto...

da quanto sto leggendo in giro x i post vedo che osservare le piccole gemme che ancora picole piccole ci stanno gia' promettendo una grandissima stupenda primavera c fa un effetto enorme. anche se succede ogni anno ma ogni anno e' una promessa alla quale diamo tutta la nostra fiducia e affidiamo la nostra tenerezza(anche se quelle ke osservo io stanno comodamente in veranda perche' sono troppotroppo pigra x camminare in salita un'intera giornata!!!ma ti amiro molto!)

artemisia ha detto...

Beate voi che vedete le gemme...ma questo mi fa sperare che tra qualche settimana ci siano anche per me...e che magari qualcuna sia sbocciata!

Rodocrosite, quando vieni a M. si fa una bella camminata.

rodocrosite ha detto...

@Vesuvio: E' vero, non ci avevo pensato alle gemme come speranza e promessa. Ora mi piacciono ancora di più.

@Artemisia: ottima idea!

SI-FA-SI ha detto...

Eh carissima, nn mi dici niente di nuov a tal proposito:-)
Cerco (ogni giorno, ma e' utopia) di farmi la mia camminata appena posso, soprattutto per salite mozzafiato, per stradine sperse tra vigne e boschetti, in compagnia o senza...
Penso di capirti bene; la sensazione e' impagabile, difficile descriverla, solo bisognerebbe provarla..
In quei momenti avverto un profondo senso di liberta' e armonia (oddio anche quando vado in bici col mio fido Ipod agli orecchi, ma li' e' gia' diverso dato che cerco di nn essere schiacciata da macchine e TIR..)
Se capiti nel Chianti, fammi un coplo di email:-)

SI